LE 10 SOFT SKILLS PIU’ RICHIESTE

service-image

Riflessioni per prepararsi ad affrontare il lavoro del futuro

Le 10 skills più richieste per il lavoro del futuro

Quali sono le competenze necessarie per rispondere efficacemente ai cambiamenti a cui stiamo assistendo e che imporranno nei prossimi anni un’importante revisione del modo di lavorare?

Proviamo ad esporre gli atteggiamenti ed i comportamenti ritenuti maggiormente utili per rispondere al meglio alle future esigenze delle aziende.

Pur confermando l’importanza delle competenze tecniche, sono altre le Skills che faranno davvero la differenza. Ecco quelle individuate dal World Economic Forum, che ha semplificato il quadro fornendo una classifica delle 10 competenze ritenute “vincenti” nel 2020 per avere successo nel mondo del lavoro.

Ripercorriamo qui le 10 skills identificate dal WEF:

  1. Soluzione di problemi complessi
  2. Pensiero Critico
  3. Creatività
  4. Gestione delle persone
  5. Capacità di coordinarsi con gli altri
  6. Intelligenza emotiva
  7. Capacità di giudizio e di prendere decisioni
  8. Orientamento al servizio
  9. Negoziazione
  10. Flessibilità cognitiva

Soluzione di problemi complessi

E’ al primo posto delle «10 Top Skills in Business in 2020» indicate dal rapporto del World Economic Forum.

In una situazione economica sempre più complessa, che richiede flessibilità, adattamento e lettura di nuove situazioni, la capacità di riuscire a risolvere situazioni articolate, riuscendo a individuare una soluzione, diventa fondamentale.

Pensiero Critico

E’ la capacità di avere un pensiero caratterizzato dai processi mentali di discernimento, analisi, e valutazione.

Creatività

La capacità di identificare soluzioni innovative può fare la differenza all’interno di un sistema economico in crisi e può aiutare a cogliere opportunità anche da situazioni complesse

Gestione delle persone

E’ una capacità che richiede intelligenza emotiva e capacità di prendere decisioni. E’ uno dei compiti più complicati, perché non si tratta solo di organizzare una struttura di lavoro, ma di saper gestire, motivare, valorizzare e quando serve correggere le persone con cui si collabora.

Capacità di coordinarsi con gli altri

Il lavoro in team è andato via via acquisendo un’importanza sempre più forte all’interno delle strutture lavorative. Saper lavorare in team prevede il saper organizzare il proprio lavoro, sapersi dare delle priorità e saperle cambiare se necessario, sapersi inserire in un flusso di lavoro.

Intelligenza emotiva

E’ la capacità di riconoscere, utilizzare, comprendere e gestire in modo consapevole le proprie ed altrui emozioni. Sembra superfluo ma per scegliere il momento giusto e l’atteggiamento giusto l’intelligenza emotiva può fare davvero la differenza

Capacità di giudizio e di prendere decisioni

Si tratta di una capacità necessaria soprattutto per i leader. E’ necessario saper condividere e ascoltare, ma al momento opportuno anche saper decidere l’indirizzo verso cui andare. E in momenti di crisi è ancora più arduo ma necessario.

Orientamento al servizio

E’ la predisposizione all’essere utile, premuroso, attento e collaborativo.

Negoziazione

La negoziazione è un’attività strategica per creare benessere economico e relazionale, sia a livello aziendale che individuale; incide sul conto economico, sulla reputazione e sull’autorevolezza.

Flessibilità cognitiva

Si tratta della capacità di attuare comportamenti diversi in base al cambiamento di regole o del tipo di compito.

Queste sono le dieci competenze, individuate dal World Economic Forum, che potranno essere maggiormente richieste dalle aziende. Sintetizzando, si può concludere che si tratta di “abilità sociali”, abilità che mettono in relazione e valorizzano al tempo stesso le capacità cognitive, relazionali, organizzative e personali.

MULTICO RISPONDE

Se vuoi ricevere maggiori informazioni

Contattaci